Padula Farm

Storie di rafano e di altri mondi

Storie di rafano e di altri mondi

il rafano, questo sconosciuto

Vi racconto una storia, una storia dolce e pungente fatta di “radici”. Nasce povero il rafano, per dare spinta a piatti semplici come la Rafanata, una sorta di frittata con dentro la radice grattugiata della barbaforte. La usano i contadini per dare carattere ad un piatto di pasta al sugo; poi però la storia si evolve ed allora inizia ad accompagnarsi a piatti più complessi ed elaborati tipo bolliti di carne o tartare di pesce, quasi a voler riscattare la sua condizione, mantenendo intatto il suo essere genuino e dalle qualità  organolettiche straordinarie. Il rafano può spiazzarti ma difficilmente ti delude, può far piangere ma non si riesce a smettere di amarlo perchè se non piangi non impari a ridere…


This is a tale, both sweet and strong, about a poor root vegetable that started out by adding zest to simple peasant dishes, like the “Rafanata” (or Horseradish omelet) and “Pasta al pomodoro”. Later it evolved as a sophisticated garnish to more elaborate specialty dishes, like “Bollito di carne” and fish tartare, as if trying to make up for its humble origins, but at the same time remaining true its extraordinary “roots”.
Horseradish – or Cren – can be startling but never disappointing. Although it can brings tears to your eyes, you can’t stop loving it. And if you never cry, you won’t know how to laugh…